COLLEZIONISTI DI MONTAGNE

Dal 18 novembre fino al 26 aprile 2015

museo montagna

Per i 140 anni di attività del Museo Nazionale della Montagna Duca degli Abruzzi di Torino dai ieri 18 novembre, un libro e una mostra, entrambi intitolati “Collezionisti di montagne”, che raccolgono le tappe significative della lunga e articolata attività della struttura dedicata alle terre alte.

Con il tempo, il Museo Nazionale della Montagna – e lo si capisce bene scorrendo le pagine del libro Collezionisti di montagne che sarà presentato questa sera – si è trasformato in una sorta di luogo dell’anima per tutti gli appassionati delle terre alte. E oggi è diventato anche il posto più adatto per studiare e conoscere l’incredibile vicenda dell’alpinismo italiano, per avvicinare le sue radici culturali, le sue imprese sulle grandi montagne. Ma anche il cammino del cinema “di montagna”, ancora poco noto al di fuori della cerchia degli specialisti e degli studiosi, e i manifesti pubblicitari e cinematografici (oggi fotografici, ma un tempo realizzati da cartellonisti di fama). Ma sono ancora molti altri gli ambiti in cui il Museo ha lavorato.

Il libro aiuta davvero a orientarsi tra i misteri e gli aspetti meno noti delle montagne. “Collezionisti di montagne” – curato da Aldo Audisio e Veronica Lisino – è l’ultimo volume nato dal lavoro del Museo Nazionale della Montagna, frutto di una collaborazione con Priuli & Verlucca. Il volume non racconta solo la storia del Museo, che quest’anno compie centoquarant’anni di vita, e tanto meno mira all’autocelebrazione. È molto di più di un semplice catalogo illustrato: è una guida inusuale, una sorta di mappa approfondita, indispensabile per districarsi nell’immenso giacimento culturale raccolto sulla sommità del Monte dei Cappuccini. I differenti capitoli del volume, oltre a un viaggio nei singoli ambiti di interesse, permettono di farsi un’idea precisa del materiale presente, del tipo di oggetti conservati, dei lavori condotti in tanti anni di ricerche per valorizzare il materiale inventariato e catalogato

L’idea di questa mostra, curata da Marco Ribetti, con l’apporto scenografico di Mario Scarzella, nasce dalla consapevolezza del possedere un grande patrimonio raccolto in 140 anni, se interesati a visitarla contattarre:

Museo  Nazionale della Montagna

Piazzale Monte dei Capuccini, 7, 10131 Torino
011 660 4104

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...