Gioielli Liberty e i Sei di Torino Flashback, un viaggio nella magia

palaalpiturliberty

Eclettica, trasversale ed elegante. Flashback è la fiera contemporanea che propone arte antica e moderna. No, non è un cortocircuito intellettuale: il sottotitolo della manifestazione è «L’arte è tutta contemporanea». Apre stasera alle 18 su inviti, domani alle 10 al pubblico, al Pala Alpitour (ex Pala Isozaki). Flashback torna per il secondo anno di fila e si rivolge agli appassionati e ai collezionisti interessati a tutta l’arte che precede il secolo XX.
Le gallerie
Dalla Cina e dal Giappone, dalle arti decorative all’arte moderna: fino a domenica, dalle 10 alle 20 (ingresso 10 euro, ridotto 8), all’Isozaki saranno protagoniste 32 gallerie da tutta Italia e qualcuna all’estero, scelte da Stefania Poddighe e Ginevra Pucci, ideatrici di Flashback. L’arte antica e moderna è il motore di un mercato che viaggia parallelo rispetto a quello del contemporaneo. Nel circuito del collezionismo torinese, ma soprattutto nel mondo, non conosce crisi. Al suo secondo anno, il progetto di Flashback è rafforzato. Ginevra Pucci spiega le coordinate della fiera: «C’è uno scarto pazzesco con lo scorso allestimento, abbiamo voluto creare una distanza forte, anche tramite la scelta del Pala Isozaki, contenitore ultra contemporaneo per una svolta importante rispetto al concetto della manifestazione». L’obiettivo, però, rimane chiaro: «Vogliamo sempre essere una fiera d’eccellenza – continua –. Torino è città d’avanguardia, ha sempre apprezzato la sperimentazione. Per questo, la nostra fiera dell’arte antica e moderna non si sovrappone con le altre manifestazioni, avremo il nostro pubblico fedele dalla città e da tutta Italia».

In esposizione e pronti per essere venduti, gioielli d’epoca, quadri, sculture, antiquariato, arte decorativa. Da segnalare, tra le new entry, la galleria Daniela Balzaretti di Milano, che porta un lavoro sul Liberty, e ancora Del Ponte, con una selezione dei Sei di Torino, oppure Raffaella De Chirico Art Consulting con uno studio su quattro donne, Carol Rama, Dadamaino, Carla Cardi e Eva Sorensen. Tutti i giorni, l’artista visivo Alessandro Bulgini sarà protagonista all’Isozaki, con un’installazione museale ispirata al labirinto di Minosse. Le curatrici di Flashback avvertono: «Visitarci è un viaggio nel tempo che, tra alternanza di epoche e stili, regala al pubblico una panoramica delle capacità artistiche e creative dell’uomo dai primordi fino alla modernità. Pittura, scultura e arti decorative concorrono a creare il magico atlas dell’Arte».

Il tour
Per il pubblico generalista e per gli appassionati, che vogliono gustarsi la fiera con una visita guidata, la manifestazione mette a disposizione tour accompagnati che daranno la possibilità di calarsi nelle epoche storiche delle singole opere, per capire il contesto artistico da cui sono nate: lo storytelling è la migliore ricetta per conoscere e vivere l’incontro con le emozioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...